Ottava edizione, lacrime e ringraziamenti

Una edizione dalle emozioni forti. L’ottavo Dieciminuti Film Festival è finito da poche ore ma ancora non ci sentiamo stanchi ed appagati, pullulano nelle nostre teste tante nuove idee simili alle tante lampadine accese che il protagonista di Luminaris (corto argentino in concorso che per noi è stato un colpo di fulmine) produceva dalla bocca per lavoro.

E’ stata l’edizione dei miracoli. Un miracolo economico, perché con un budget ridotto del 40% rispetto all’anno precedente (per l’80% coperto da sponsor privati), pari a 4mila euro, siamo riusciti a promuovere e regalare un festival di respiro internazionale degno delle kermesse più grandi ad un pubblico che ancora una volta ha superato le mille presenze; un miracolo culturale, perché mai a Ceccano e in provincia era stata organizzata una manifestazione così ricca di stimoli, di offerte, di ospiti, di conferenze, di proiezioni così di alta qualità e interesse; un miracolo sociale, perché uno staff di 37 persone con una media età di 25 anni che gestisce per quattro giorni migliaia di persone (di cui una altissima percentuale di coetanei) senza una minima sbavatura è un esempio da seguire per tutti, detto senza false modestie, è un dato di fatto.

Abbiamo ancora nel cuore, il cuore che portiamo nei giorni del festival stampato sulle nostre maglie, tutti i volti degli spettatori che hanno assistito alle serate, dei registi che hanno partecipato, dei giornalisti che ci hanno seguito, degli ospiti che ci hanno onorato della loro presenza, e non li dimenticheremo mai.

Per questa ottava, splendida, emozionante edizione del festival ringraziamo:

Il Comune di Ceccano, che è vero, sì, ci ha dimezzato il budget, ma che dal principio non manca mai di farci sentire la presenza e vicinanza nella risoluzione di tutti i problemi, partendo da Mauro Scarsella, passando per Filippo Sodani e arrivando agli amministratori che hanno presenziato alla manifestazione, il Sindaco Manuela Maliziola, il vicesindaco Pasquale Casalese e l’assessore Camillo Maura.

L’Istituto di Cultura dell’Ambasciata dell’Iran di Roma, in particolare il direttore, Dott. Pourmanjan, che ci ha onorato sia del patrocinio che della sua presenza alla manifestazione; la prof. Bianca Maria Filippini e la scenografa Mahnaz Esmaeili per aver reso partecipe il nostro pubblico delle magie del cinema iraniano, cui era dedicata quest’anno la sezione Esplorazioni. E ultimo ringraziamo Gaetano Iorio, appassionato di cultura persiana che ci ha fatto da ponte in questo splendido gemellaggio.

I nostri sponsor privati, senza i quali, lo ribadiamo sempre, non esisterebbe il festival, ad ognuno di loro, da quello che ci ha dato di più a quello che ci ha dato di meno, andrà sempre il nostro ringraziamento più sentito.

Giovanni Proietta e Romina Moscato, e per lo spazio cinema italiano anche Vincenzo Martorella, Dario Facci e Antonio Lauretti, per aver condotto le quattro serate con allegria, leggerezza e professionalità. Sono i nostri volti pubblici ormai, e non li lasceremo liberi facilmente neanche in futuro!

Vanessa Cremaschi e i protagonisti de “Il Cinema lo faccio io”, per averci raccontato come si fa a portare avanti idee libere di cinema senza soldi, un concetto che sentiamo molto vicino e che speriamo ci porterà anche a collaborare nell’immediato futuro.

Karin Proia, Federico D’Ambrosi, Carlo Delli Colli, Michela Altobelli e la nostra Eleonora Di Mario, giurati di questa edizione, per la sapienza con cui hanno assegnato i vari premi in palio.

Max Preiss (premiato per Ballet Story), Yulia Travnikova (premiata per Second Wind), Mariam Hernandez (premiata per Curvas), e rispettivi accompagnatori, per averci fatto passare delle giornate internazionali spensierate e caciarone, dimostrando come non sono i confini tra nazioni a dividere le persone, ma che se si ha il giusto spirito si possono stringere amicizie a tutte le latitudini. Il ricordo delle loro risate insieme a noi resterà nei nostri cuori come uno dei momenti più belli di questo festival.

Francesco e Pietro Muzak per la costante assistenza tecnica, che non ci è stata fatta mancare mai e che ha garantito la resa di tutta la manifestazione.

La signora Pina e i padri della Badia di Ceccano, che hanno accolto i nostri ospiti nell’ostello del campus di chimica facendoli sentire come a casa.

I registi, tutti e 368, che hanno iscritto le loro opere al nostro festival, sperando che possano aumentare ancora nella prossima edizione.

La stampa, le tv, le radio, i siti internet, che mai come quest’anno hanno dato grande eco alla manifestazione.

IndieGesta al completo

Per ultimi, come di consueto, ringraziamo noi stessi, perché insieme riusciamo a superare anche gli ostacoli che ci sembrano insormontabili, e li superiamo, dandoci forza l’uno con l’altro, con grande spensieratezza. Ora siamo stanchi, ma la testa, già libera, inizia a pensare al futuro.

Annunci

Ottava edizione, vince il russo Second Wind

Viene dalla Russia il corto vincitore dell’ottava edizione del Dieciminuti Film Festival. Al termine di una edizione di estrema qualità, la Giuria Ufficiale composta da Karin Proia, Carlo Delli Colli, Federico D’Ambrosi, Michela Altobelli e Eleonora Di Mario ha assegnato il premio come Miglior Film a Second Wind, corto postapocalittico e ambientalista del moscovita Sergey Tsyss, rappresentato a Ceccano dalla produttrice Yulia Travnikova, visibilmente emozionata per il primo riconoscimento europeo per il corto.

Questi gli altri premi assegnati ieri nel corso della cerimonia di premiazione:

Sezione Ufficiale

Miglior Film: Second Wind di Sergey Tsyss (Russia)

Miglior Attrice: Mariam Hernandez per Curvas di David Galan Galindo (Spagna)

Miglior Attore: Nikita Ivchenko per Vanya di Oksana Artemenko (Ucraina)

Miglior Sceneggiatura: Josu Diaz per Beeeee! di Alvaro Oliva (Spagna)

Miglior Fotografia: Max Preiss per Ballet Story di Daria Belova (Germania)

Miglior Montaggio: Juan Pablo Zaramella per Luminaris di Juan Pablo Zaramella (Argentina)

Miglior Colonna Sonora: Giovanni Chiapparino per Smile di Matteo Pianezzi (Italia)

Sezione Extralarge

Miglior Film (ex-aequo): La legge di Jennifer di Alessandro Capitani (Italia) e La Mirada Perdida di Damian Dionisio (Argentina)

Sezione Animazioni

Miglior Film: El Castigo di Nelson Fernandes (Portogallo)

Premio Speciale IndieGesta (assegnato dall’organizzazione): Ekmek di Koray Sevindi (Turchia)

Sezione Visti da Vicino

Menzione della Giuria: Infantry di Paolo Praticò

Premio del Pubblico*: Infantry di Paolo Praticò

* Risultati della finale del Voto del Pubblico di Domenica 13 Gennaio:

INFANTRY di Paolo Praticò: 103 voti

AFFREDO E LA BICICLETTA di Filippo Scalisi: 82 voti

TANA di Marino Cervoni: 44 voti

Karin Proia premia Yulia Travnikova, produttrice del corto Second Wind

Ottava edizione, ospiti internazionali e chiusura in grande stile

Una serata che non dimenticheremo facilmente. Liberi per un giorno dagli impegni del concorso, la terza serata del Dieciminuti Film Festival ha regalato mille emozioni al numeroso pubblico presente in sala grazie ai tanti prestigiosi ospiti che si sono avvicendati sul palco dell’Antares.

In apertura, la vivacità dei protagonisti de Il Cinema lo faccio io, videosoggetto che è stato presentato sul palco dagli autori Alessandro Valori, PierPaolo Piciarelli, Adamo Dionisi e Vanessa Cremaschi in un animatissimo incontro “mediato” dal trio Vincenzo Martorella-Dario Facci-Antonio Lauretti.

Subito dopo c’è stato il minispazio dedicato ai bambini della scuola elementare “Luigi Mastrogiacomo” di Ceccano, che hanno presentato una animazione in stop-motion dal titolo Natale a casa Marzella, un progetto coordinato da Serena Carcasole.

Altro spazio ospiti applauditissimo è stato quello della sezione Esplorazioni dedicato all’Iran. Dopo la proiezione dei corti The Last Uncounted Village di Shahram Alidi e Shadows di Mahnaz Esmaeili sono salite sul palco la professoressa Bianca Maria Filippini (Edizioni Ponte33) e la regista Mahnaz Esmaeili che hanno raccontato al pubblico di una cinematografia storica e vivace ed in continua evoluzione.

La serata è stata poi chiusa dai corti della Dieciminuti Academy. Sempre più dinamica e variegata, la scuola di cinema creata dal festival sta dando sempre maggiori soddisfazioni ai creatori e alle ormai decine di allievi proponendo sempre opere di grande qualità. Tutti i corti presentati hanno ricevuto un grande riconoscimento da parte del pubblico.

Ora ci aspetta una ultima giornata ancora ricca di ospiti e di grandi cortometraggi. Ospite della cerimonia di premiazione, che inizierà alle ore 18, sarà infatti la presidente di giuria Karin Proia, attrice di cinema, teatro e televisione nonché regista. Un altro appuntamento da non perdere.

Gianni D'Avelli, protagonista del corto "E' successo di nuovo?"

Ottava edizione, il sabato degli eventi…

Mai stato così ricco e variegato lo spazio dedicato agli eventi collaterali al concorso del Dieciminuti Film Festival come quello di quest’anno. Giornata di ospiti la terza di questa ottava edizione, ospiti prestigiosi in programma e tante chicche per il pubblico.

Si parte alle ore 18 con lo Spazio pomeridiano della Sezione Esplorazioni, con una retrospettiva di alcuni dei più acclamati corti di animazioni premiati al Teheran Film Festival. Questi i corti in programma: The Pink Cloud di Massud Qodsieh, Thousand and One Night di Hoda Masudi, The Ten Commandments di Khadike Khadivi, Auntie & the Kid di Sahar Yasini, Why dogs hate cats di Lida Fazli, Pat di Amir Ali Barutian, The Compositor Bird di Said Azarnezhad e Tales of Resistance di Kiarash Zandi.

Dopo la pausa, si riprende alle ore 21 tutto d’un fiato con lo Spazio Cinema Italiano, una finestra sul panorama indipendente del nostro cinema che in questa edizione ci farà incontrare i protagonisti del corto Il Cinema lo faccio io, video-soggetto ideato da Alessandro Valori e Piergiorgio Bellocchio e interpretato dallo stesso Bellocchio, da Adamo Dionisi e Pierpaolo Piciarelli, il tutto prodotto da Vanessa Cremaschi. Autori, attori e produttrice del corto saliranno sul nostro palco e con una pazza intervista del trio di giornalisti capeggiati da Vincenzo Martorella e composto anche da Dario Facci e Antonio Lauretti racconteranno al pubblico la loro avventura, applaudita all’ultimo Festival del Cinema di Roma ed in procinto di uscire dall’Italia alla ricerca di gloria tra i festival internazionali.

Secondo spazio sarà quello serale sempre della Sezione Esplorazioni, in programma alle 21.45, che verrà inaugurato con la proiezione dei corti The Last Village di Sharam Alidi e Shadows di Mahnaz Esmaeili e verrà portato avanti dall’editrice Bianca Maria Filippini, che illustrerà al pubblico la vivace cinematografia persiana dialogando proprio con una delle più acclamate interpreti della nuova generazione, Mahnaz Esmaeili che parlerà del suo corto e dei suoi progetti futuri.

Terzo ed ultimo spazio della serata, in programma alle 22.45, sarà quello dedicato ai cortometraggi prodotti dai laboratori della Dieciminuti Academy, la scuola di cinema ed arti visive creata dal festival e dall’Associazione IndieGesta allo scopo di diventare anche produttore di idee e di nuovi talenti. Saranno presentati al pubblico le due animazioni prodotte dagli allievi del corso di animazione, il MotionLab, ossia: S’alsa di Laura Bruni, Veronica Sabellico, Giovanni Masi e Dalila Carcasole e Giulietta e Romeo di Eleonora Di Mario e Hilde Merini. Verrà presentato il corto Better Woman, realizzato ad aprile 2012 con gli allievi provenienti da Olanda, Germania, Regno Unito e Italia coinvolti nel ComeniusFilmLab, in collaborazione con il Liceo Scientifico di Ceccano. Ci saranno infine uno spazio dedicato ai più piccoli, con la presentazione di Natale in casa Marzella, animazione creata da Serena Carcasole con i bambini della Scuola elementare “Luigi Mastrogiacomo” di Ceccano, e per finire E’ successo di nuovo?, il corto di punta del FilmLab, il laboratorio di cinema che ha dato origine alla Dieciminuti Academy.

Una giornata senz’altro da non perdere!

'Il Cinema Lo Faccio Io'

Ottava edizione, una seconda serata da tutto esaurito!

Applausi, risate, lacrime e sala ancora più gremita del debutto. Questi gli ingredienti della seconda serata del Dieciminuti Film Festival 8. Una serata partita con la poetica e acclamata animazione O Xigante, produzione portoghese, brasiliana e spagnola affidata ai registi Luis da Matta Almeida e Julio Vanzeler che ha affascinato le oltre 300 persone presenti in sala. Poi è stata la volta dei corti della Sezione Ufficiale, con i più apprezzati tra il pubblico Curvas, dello spagnolo David Galan Galindo, Cabbagemincer, gotica storia di amore di un tagliatore di cavoli del russo Vadim Viner, e soprattutto la magia di Luminaris, esperimento di video ed animazioni dell’argentino Juan Pablo Zaramella che ha strappato doppi applausi tra il pubblico. A fine serata è stata la volta dell’animatissima sezione dedicata ai cortometraggi locali “Visti da Vicino”, con il corto Infantry, del debuttante Paolo Praticò, che ha fatto incetta di consensi tra il giovanissimo pubblico accorso ieri sera all’Antares.

Restando alla sezione Visti da Vicino, questi i risultati definitivi al termine della due giorni di voto e i tre finalisti che domenica alle 18 si sfideranno nella finale all’ultimo voto:

RISULTATO FINALE PRIMA FASE – Sezione “Visti da Vicino”

INFANTRY di Paolo Praticò: 38,39% (134 voti)

TANA di Marino Cervoni: 12,32% (43 voti)

AFFREDO E LA BICICLETTA di Filippo Scalisi: 10,02% (35 voti)

LA CASA SOTTO LA NEVE di Alessio Fabrizi: 7,74% (27 voti)

IN CHE PERCENTUALE FUNZIONI TU? di Irene Carlevale: 5,44% (19 voti)

A COSA STAI PENSANDO? di Simone Nestori: 4,87% (17 voti)

LASCIAMI VIVERE di Danilo Fabrizi: 4,58% (16 voti)

BERENICE di Giuliano Giacomelli: 4,29% (15 voti)

EARTH-TERRA di Americo Tiberi: 3,72% (13 voti)

CUT di Samuele Rossi: 3,44% (12 voti)

LA PERSONA E L’OMBRA di Annarita Antoniani: 3,15% (11 voti)

FRIENDS OPENING REMAKE di Aurora Santachiara: 2,04% (7 voti)

 

Accedono alla finale di Domenica 13 Gennaio 2013 i corti:

INFANTRY di Paolo Praticò (Ceccano)

TANA di Marino Cervoni (Ceccano)

AFFREDO E LA BICICLETTA di Filippo Scalisi (Cassino)

Luminaris - di Juan Pablo Zaramella

Ottava edizione, partiti con il piede giusto

Sala gremita e applausi scroscianti. E’ questo il pensiero fisso dopo la prima serata del Dieciminuti Film Festival 8. Non era mai accaduto che già dal giovedì sera la sala si riempisse quasi in ogni ordine di posto, e battesimo più dolce non poteva esserci per la veste sempre più GLOCAL che la manifestazione si sta costruendo in questi anni, abbinando corti provenienti da tutto il mondo a corti prodotti dal nostro territorio. Apertura infatti affidata a “Romanzo Commerciale”, terzo cortometraggio del ceccanese Aldo Patriarca, non iscritto in concorso ma che ha riscosso applausi da un pubblico che ha apprezzato la crescita tecnica di un regista che, investendo su se stesso, sta cercando di ritagliarsi un proprio spazio. Grande successo poi per quasi tutte le opere in gara nelle varie sezioni del concorso; molto apprezzati dal pubblico infatti l’italiano “Il ritorno di Haircut” di Nicolò Lombardi, il russo post-apocalittico “Second Wind” di Sergey Tsyss, l’esilarante spagnolo “Beeee!” di Alvaro Oliva, sugli strani incontri che si possono fare in un sexy shop, e l’attualissimo “La legge di Jennifer”, del toscano Alessandro Capitani, dedicato all’ossessione per il lifting. Ha strappato applausi commossi poi anche l’argentino “La mirada perdida”, di Damian Dionisio, dedicata al dramma dei figli dei desaparecidos “espropriati” dalla dittatura ai propri genitori e riaffidati a famiglie “fedeli” al regime che ha governato il paese sudamericano dal 1976 al 1983. A chiudere la serata sono stati poi i cortometraggi locali, con la sfida del voto del pubblico che ha prodotto i seguenti risultati:

TANA di Marino Cervoni (Ceccano): 31%

AFFREDO E LA BICICLETTA di Filippo Scalisi (Cassino): 25%

BERENICE di Giuliano Giacomelli (Isola del Liri): 12%

A COSA STAI PENSANDO? di Simone Nestori (Alatri): 12%

LASCIAMI VIVERE di Danilo Fabrizi (Boville Ernica): 11%

EARTH – TERRA di Americo Tiberi (Torrice): 9%

 

Stasera si replica con la seconda parte dei cortometraggi in concorso nelle sezioni Animazioni, Ufficiale, Extralarge e Visti da Vicino. Appuntamento sempre alle 21 al Cinema Antares di Ceccano (Fr).

La legge di Jennifer di Alessandro Capitani

Ottava edizione, un programma spettacolare!

Un programma ricco di novità e di prestigio quello dell’ottava edizione del Dieciminuti Film Festival. Mai stato così variegato ed internazionale infatti il cartellone ufficiale della manifestazione cinematografica più importante della provincia di Frosinone.

Due serate dedicate alle splendide opere del concorso, una serata di spessore dedicata al cinema italiano, al cinema straniero della sezione Esplorazioni (quest’anno ospite l’Iran) e al cinema prodotto dagli allievi della Dieciminuti Academy, la scuola di arti visive che rende unico il festival ceccanese nello scenario nazionale.

Nella sezione dedicata al programma su questo sito tutti i dettagli di una edizione che si preannuncia ricca di emozioni.

Manifesto DMFF8